Immaginare studio fotografico di Roberto Tibaldi

Cos'è
Cosa si può fare
Opere
Realizzazioni
Natura
Viaggi e avventura
Eventi
Storia
Arte e cultura
Artistico espressivo
Strutture architettoniche
Musei e centri visita
Concerti
Danza e teatro
Altri
Eventi
Incontro
con la multivisione


AV Stumpfl Certified Partner logo

 

 

 

Opere
realizzate su commissione
o per puro divertimento
personale sono disponibili
per realizzare serate o
festival di multivisione
...

vedi la multivisione sulla mia pagina VIMEO
cliccando quì

La fede che più amo, dice Dio, è la SPERANZA  
Digitale, schermo panoramico 2,35:1, 6,50 minuti  
         
 

Quando e perchè si fa una multivisione? bella domanda... e se la multivisione è un mezzo per comunicare la stessa domanda si potrebbe esprimere come "quando e perchè comunicare?" Sicuramente chi fa multivisione è spinto alla produzione di un opera da mille motivazioni. Tralasciando le multivisioni professionali, in cui BISOGNA parlare anche se non si avrebbe niente e nessuna voglia di dire, possiamo elencare la classica: "sono tornato da un viaggio e lo voglio raccontare senza far dormire" , ci può essere la voglia di trasmettere una emozione provata all'ascolto di un brano musicale, visualizzare un concetto, un testo poetico. A volte può essere un fatto importante della nostra vita, sia esso bello o brutto, la molla scatenante e spesso sono i momenti difficili - che sono anche i più numerosi - a generare in noi il desiderio di "farli uscire da noi stessi", quasi per esorcizzarli. Diceva Don Mazzolari "I momenti di felicità vera nella vita li possiamo contare, quelli di difficoltà sono continui", dunque il materiale non manca. Lessi per la prima volta "Il portico del mistero della seconda virtù" in un monastero cistercense francese quando avevo 19 anni, dove passai due mesi e mezzo per "decidere cosa fare della mia vita". Furono mesi intensissimi in cui divorai decine di libri molto profondi e attraverso essi conobbi alcuni autori che hanno segnato la mia vita, il mio modo di essere e di comportarmi, le mie scelte future. Potrei citare tra i miei "amici più cari" Charles de Foucauld, Carlo Carretto, Teresa di Lisieux, Thomas Merton, Albert Schweitzer e tanti altri, e sicuramente Charles Peguy, mistico francese di fine ottocento. Tra le molte sue opere questa è quella che più mi è rimasta impressa nello spirito e che mi ha sempre accompagnato in questi anni. Si tratta di un lungo trattato sulla seconda virtù teologale, la SPERANZA, che, recita Peguy, è sicuramente la più difficile, ma che è anche la più gradita a Dio, senza la quale le altre due (La Fede e la Carità) non potrebbero sussistere. Ne ho avuto prova più di una volta nella mia vita di credente in cui la mia Fede è sempre messa alla prova, la Carità lascia spesso a desiderare, ma la SPERANZA è la vera sfida di tutti i giorni. Dunque mi canto interiormente spesso questo testo e con questa multivisione non ho altro scopo che quello di fare conoscere anche ad altri l'opera di Charles Peguy.

<< indietro  
 
 
 

©2007-2017 Roberto Tibaldi. | Multivisione